Browse By

Guadagnare Con Un Blog : Quando i Guadagni Dipendono Dai Settori

Un saluto a tutti i lettori di questo fantastico blog. Prima di tutto volevo fare i ringraziamenti a Krikko per la pubblicazione di questo “guest post”.

Passiamo alle presentazioni, mi chiamo Antonio Pisaniello, proprietario del network Web Digital Design. Oggi, come ogni volta che devo creare un guest post, sono indecisissimo su cosa parlare.

Dopo varie ipotesi, ho deciso di specificare come guadagnare con un blog stando attenti alla scelta del settore.

Prima di tutto, voglio fare un approccio particolare, diciamo una sorta di auto intervista. Partiamo.

1 ) E’ possibile guadagnare con un blog ? – Si, certamente.

2 ) E’ facile guadagnare con un blog ? – Non è una passeggiata, ma non è neanche impossibile, dipende dai traguardi che si vuole raggiungere.

3 ) Se il traguardo è 1500 euro al mese ? – Fattibile. Molto dipende dal settore del blog e dal tipo di monetizzazione scelto.

Ora che ho finito questa breve auto intervista ( guarda un po’ che mi tocca fare ) andiamo ad analizzare il terzo punto. ( Per le prime due domande non penso servino tante spiegazioni ).

Tengo a precisare che queste tre domande mi vengono chieste di continuo, almeno da tutti coloro che sono interessati al guadagno online. Vediamo come arrivare al nostro stipendio mensile.

La Scelta Della Nicchia

La scelta del settore ( la cosiddetta nicchia ) è fondamentale nella realizzazione e nella futura monetizzazione del blog.

Su questo argomento c’è molto da dire, ma io vorrei concentrarmi su un aspetto, ovvero fare una piccolo passo in avanti per poi tornare a valutare la nicchia prescelta. Cosa intendo per passo in avanti ? Intendo la scelta del tipo di monetizzazione.

Molto spesso, quando si parla di guadagno online, il settanta per cento delle persone ipotizza guadagnare con Adsense. Voglio subito dire che non è cosi. Ci sono tantissimi metodi per guadagnare con un blog, è quindi non è corretto pensare ad Adsense come l’esclusiva online.

Ricordo, però, che tutti i metodi di monetizzazione, per funzionare correttamente, devono essere “predisposti” per l’argomento trattato sul blog.

Dato che non amo dilungarmi, e preferisco di gran lunga la praticità, eccovi un esempio :

Il signor Mario Rossi crea un blog inerente il tema GOSSIP. Mario si impegna costantemente per portare tantissime visite al blog, e dopo sei mesi raggiunge 2000 visitatori al giorno. Il signor Mario Rossi decide di inserire i banner Adsense sul proprio sito. Dopo una settimana si accorge che il blog genera pochi guadagni. Dopo un annetto il blog viene abbandonato al suo destino.

Il cugino del signor Mario Rossi, Giuseppe Rossi, invece, crea, nello stesso periodo, un blog inerente il tema ECONOMIA. Dopo sei mesi di lavoro intenso, raggiunge appena le 1000 visite al giorno. Nonostante la brutta esperienza del cugino, decide di fare una prova inserendo i banner di Google Adsense sul proprio blog. Sorpresa delle sorprese, Giuseppe guadagna molto di più rispetto a Mario, crede nel suo progetto e nel tempo di un paio d’anni si trova a guadagnare una bella sommetta mensile.

Morale : Scelte, magari sottovalutate, hanno cambiato il corso della vita di queste due persone. ( nomi e riferimenti sono puramente casuali : ) )

Dopo questa bella storia inedita, spero di avervi reso l’idea di come la scelta della nicchia può fare la differenza.

Prima di parlare dei settori, avevo accennato la scelta dei metodi di monetizzazione. Proprio per questo, se il vostro obiettivo è guadagnare con Adsense, dovete scegliere un settore dove Adsense sia in grado di dare delle soddisfazioni, ed evitare assolutamente i settori meno redditizi.

Riallacciandoci all’esempio di prima, non è detto che il blog GOSSIP di Mario non avrebbe guadagnato di più eliminando Adsense ed inserendo magari una pubblicità diversa, che sia essa un affiliazione o un altro formato pubblicitario. Quindi, prima di decidere il settore, è opportuno decidere con chi o cosa guadagnare.

Per oggi è tutto, spero che abbiate trovato l’articolo abbastanza interessante. Qui di seguito seguono alcuni approfondimenti molto interessanti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.