Browse By

La Costanza Di Scrivere Un Ebook

Non capita di rado di svegliarsi e pensare: “Oggi scrivo un ebook!” Dai, quante volte l’hai pensato? 🙂  Beh è normale, è normale che tu ti proietti nel futuro, è normale che tu abbia voglia di iniziare ad automatizzare i tuoi guadagni ed iniziare ad incassare soldi facendo altro.

Questo è il sogno di tutti, ed è un sogno già realizzato per chi ha creato un buon sito seguito da parecchie persone, e da chi ha in seguito ha scritto e venduto un ebook. C’è un’altra cosa da sottolineare che probabilmente non ho mai fatto. Il fatto di scrivere un ebook, non assicura che questo verrà venduto, nonostante noi siamo circondati da utenti fedeli e “fan”. Ebbene sì, l’ebook è un mezzo potentissimo ma bisogna saperlo gestire bene.

Prima perciò di buttarti a capofitto in questa nuova ed estenuante avventura, sarà tua cura verificare le seguenti componenti:

  • Quello che la gente vuole
  • Quello che la gente si aspetta da te

E’ molto fine il legame fra queste due caratteristiche ed è ben importante tenerle in considerazione.  Il primo punto analizza qualcosa che non puoi fare a meno di evitare. Devi vedere ciò che la gente richiede. Insomma, questa è la prima legge del mercato, ovvero offrire ciò che la domanda richiede. Questo è l’unico modo per assicurarsi delle vendite. Il secondo punto indica di creare un Ebook, su quello che la gente si aspetta da te. Che cosa intendo dire con questo? Intendo dire che se sul tuo Blog stai seguendo un preciso percorso, la gente si aspetterà prima o poi un approfondimento di questo oppure la fine di questo percorso, e come arrivarci nel modo più veloce possibile.

La gente, quando segue un percorso, non vuole essere interrotta, non vuole perdere tempo, e pagherebbe anche con tutti i propri averi per poter arrivare alla fine di questo percorso in un battibaleno. Peccato che questo metodo non esiste, però tu puoi mettere a disposizione la tua conoscenza per poter rendere questo cammino degli utenti il meno tortuoso e il più in discesa possibile.

Ecco questo è quello a cui devi pensare prima di iniziare a scrivere. Una volta che abbiamo analizzato e capito quello che la gente vuole, possiamo, solo ora, iniziare a stendere il nostro Ebook. Prima di cominciare vorrei farti un classico esempio su di me. Ho iniziato poco fa la stesura di un ebook riguardante il mondo del pianoforte. Se avessi iniziato a scrivere questo ebook su: “Come imparare a suonare il pianoforte”, mi sarei dato una grande zappata sui piedi. Di questi manuali, tra l’altro multimediali, ne esistono a valanghe, e anche di grandi marche come per esempio la Mondadori; perchè la gente dovrebbe acquistare questo corso da me?? Certo, una decina di vendite le avrei fatte ma..cosa me ne sarei fatto di così poche vendite? Così il nuovo ebook l’ho incentrato su di un argomento poco toccato da tutti e nella quale c’è molta omertà, ovviamente per motivi economici: “Come scegliere un buon pianoforte”. Sono sicuro che non appena lo pubblicherò andrà a ruba…ma non solo nel momento, ma anche in futuro, e nei secoli dei secoli…amen 😀

Sono convinto di aver centrato un’ ottima nicchia e sono convinto che il prodotto andrà a buon fine. Ancora qualche mese e sarà pronto! 😉  Ma ora ritorniamo a noi. Parliamo di come scrivere l’ebook.

Come Stendere L’Ebook

scrivere ebook

Scrivere un Ebook non è così facile quanto sembra. Innanzi tutto ci voglio spiccate conoscenze in quel determinato settore e, cosa che molti non sanno, bisogna pagare altri per stendere capitoli all’interno del nostro libro. Questo non sempre viene effettuato, però ritengo che sia una buona tattica. Insomma, non possiamo sapere e conoscere tutto, anche con tutte le ricerche che possiamo fare. L’aiuto di qualche esperto fa sempre comodo. Perciò commissiona alcuni capitoli del tuo libro ad una persona di fiducia (ovviamente dietro retribuzione immediata). In questo modo il tuo Ebook risulterà più completo, avrà più pagine, tu farai meno fatica in modo tale da approfondire al meglio i capitoli scritti da te, e il lettore avrà una migliore conoscenza.

Poi, bisogna scrivere in modo impeccabile. Non possiamo scrivere un ebook con un linguaggio simile al parlato oppure come quello che utilizziamo sui nostri Blog. L’ebook deve essere professionale, come se fosse un libro. Una volta che lo hai finito non ci devono essere errori all’interno, perciò il mio consiglio è quello di darlo in regalo a 10 esperti e non, regalargli queste informazioni, ma ricevere in cambio una correzione dei tuoi errori. Scambio equo no? 🙂  Ovviamente non darlo contemporaneamente a 10 persone perchè ognuno ti correggerà una cosa diversa e buonanotte. Devi darlo in successione uno ad uno, in modo tale da inviare al nuovo revisore il file sempre aggiornato. Non avere fretta a lanciare il tuo prodotto!

Ma concretamente, come bisogna scrivere questo ebook? Semplice, prendi un foglio di Word e incominci a scrivere. Ricordati però una cosa: la gente guarda molto al numero di pagine. Se ne riesci a scrivere 150 sarebbe perfetto. Arrivarci non è impossibile te lo assicuro, basta solamente utilizzare qualche accorgimento. Dagli ebook di Mauro Franco, ho notato che egli usa questa forma per aumentare il numero delle pagine:

  1. Prima pagina del libro = copertina
  2. Seconda pagina del libro = Copyright
  3. Terza pagina = Indice
  4. Quarta pagina = Introduzione
  5. Quinta pagina = Disegno primo capitolo
  6. Sesta pagina = Disegno primo capitolo

Prima di cominciare a parlare concretamente, Mauro si è preso 6 pagine di intro. Mica male eh? 😉  Inoltre i margini laterali che utilizza sono larghi, così il suo stile di scrittura diventa tipo quello delle landing page. Il carattere sembra ad occhio e croce un 15 e l’ebook è pieno di figure. E’ così che Mauro, tra sapere ed intelligenza riesce e portare tutti i suoi ebook a 200 e passa pagine. E’ un genio 😀 . Ovviamente non solo lui utilizza questa tattica. Gli autori dei libri di Giacomo Bruno utilizzano un carattere 16 con interlinea 1,5 se non mi sbaglio. Come vedi, tutti gli autori, oltre che al contenuto, danno molta importanza al numero delle pagine.

Ovviamente loro sarebbero in grado di riassumere il loro ebook in 30 pagine a dir tanto, ma purtroppo per questioni di mercato sono costretti a mandarli sulle 150 pagine riempendo il tutto di parole ed esempi superflui. Insomma, sarebbe molto più fluido e ricco un ebook di 30 pagine scritto come si deve, piuttosto che uno di 300 molto dispersivo dove devi essere tu a sottolineare le cose importanti. Tuttavia, vorrei vedere quanti comprerebbero un ebook di 30 pagine a 20 euro 😀 😀 .

Detto questo, se vuoi scrivere un ebook, devi metterti in testa che ci vorrà tempo, anche un anno se è necessario! L’importante è che il tuo prodotto finito sia qualcosa di unico e utile. Ti auguro tutta la fortuna di questo mondo!

krikko

6 pensieri su “La Costanza Di Scrivere Un Ebook”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.