Browse By

Clickbank: L’Affiliazione Vincente

clickbanck per guadagnareDue anni fa, ero ancora un novellino del guadagno sul web. Così non badavo a spese sull’investimento di soldi per la mia cultura riguardo il guadagno online.

Una delle prime guide che comprai fu Io sono Ricco.

Era una delle prime guide di Mauro Franco, l’italiano che al giorno d’oggi guadagna più di tutti tramite Internet.

L’ebook costava 118 euro ma per fortuna lo trovai per un paio di giorni a 50 così non persi l’occasione di acquistarlo.

Incuriosito, aprii subito il pdf di cento e passa pagine e me lo lessi tutto nel giro di un’ora. L’ora dopo me lo rilessi, e l’ora successiva incominciai a mettere in atto gli insegnamenti appresi in quell’Ebook (il tutto dall’una in poi di notte 😀 ).

L’ebook parlava di Clickbank. “E mo cos’è sto clickbank??” Giuro, non ne avevo la più pallida idea. Dentro a quell’ebook in più si parlava di Affiliazioni, di Google Adwords..roba veramente araba per me.

In ogni modo riuscii ad applicare il tutto con una semplicità inaspettata. C’era solo qualcosa che non mi quadrava. I prodotti che vengono venduti su Clickbanck sono tutti scritti in lingua inglese. Come posso fare per rifilarli agli utenti italiani?

All’epoca il Blog Pianosolo mi faceva a mala pena 2.000 visite al giorno, ma tentai lo stesso di utilizzare le tecniche apprese in quell’ebook sul mio blog principale.

Praticamente l’ebook spiegava come vendere tali prodotti. Così cercai di vendere anche io questi prodotti sul mio Blog.

Così presi uno dei prodotti su clickbank che parlavano di pianoforte (mi ricordo ancora, era un ebook che si chiamava “Piano Coach”). L’errore principale che ho fatto qual’era? Era di aver consigliato ai miei lettori un ebook che io non avevo mai visto nè tanto meno letto! La copertina era attraente, la pagina di vendita pure solo che.. il prodotto era davvero scadente!

Il giorno del lancio ero però esaltatissimo, non vedevo l’ora di fare vendite.

Così avevo programmato l’articolo alle ore 5.00 del mattino. Mi sveglio alle 9.00 e faccio il login su Clickbank e trovo…

  • 23,74  email xxxx@xxxx
  • 23,74 email xxxx@xxxx

in pratica c’erano già due vendite alle 9.00 di mattino! avevo già ricavato complessivamente 46 dollari! Ero davvero esaltato.

Nel primo giorno le vendite continuavano a salire, fino ad arrivare 6 nel primo giorno, 3 nel secondo, ed ogni tanto qualche vendita si aggiungeva nei giorni a seguire.

Come avevo fatto a fare tutte quelle vendite? Semplice. Gli utenti si fidavano, la mia presentazione del prodotto era una bomba! Non potevano non acquistarlo.

Così andai sul sito di Mauro Franco (Maurofranco.biz) e lasciai un bellissimo commento ringraziando l’autore dell’ebook di avermi dato tali informazioni preziosissime.  Nel primo giorno di vendite praticamente avevo già recuperato i soldi spesi per l’ebook e avevo già tratto profitto!

Tutto filava liscio come l’olio…

Qualche giorno dopo aprimmo il Forum di Pianosolo e lì iniziarono i dolori. Nella sezione “di tutto e di più”, ma soprattutto nei messaggi privati, incominciai a trovare messaggi che mi accusavano di aver fatto pubblicità ad un prodotto scadente.

Christian il prodotto che hai suggerito è davvero inutile. Dove sono tutti i 250 esercizi che c’erano promessi??

un’altro invece mi scriveva..

Ed io avrei pagato 20 euro per questa zozzeria? Meno male che sono ancora in garanzia. Chiederò il rimborso all’autore e se questo non mi rimborserà, chiederò a te il rimborso!

Insomma tutti messaggi di questo genere.. Ero in panico più totale. Volevo capire perchè gli utenti si lamentassero, così acquistai l’ebook. La prima cosa che pensai è : avevano ragione gli utenti!

Nella pagina di vendita c’era scritto che l’ebook offriva 40 video che ti insegnavano passo dopo passo a suonare il pianoforte, 250 esercizi pratici sulla quale allenarti e molti altri bonus. Cosa conteneva realmente?

5 video dalla durata di 3 minuti l’uno, mentre per guardare gli altri bisognava abbonarsi a pagamento e una ventina di esercizi per pianoforte. Gli altri 230 erano per violino!!! Non so cosa c’entravano!!!!

In quel momento mi sentivo troppo amareggiato. Mi sentivo malissimo per aver consigliato questo ebook così scadente a dei lettori fedeli che mi seguivano. Addirittura una mamma mi aveva scritto:

Grazie per questo consiglio! Pensavo di acquistarlo per poter farlo trovare a natale sotto l’albero a mia figlia!

si, che bel regalo di m…!

Da lì, da quella dura lezione, capii che prima di consigliare prodotti a gente che si fida di te, anche se ci guadagni da questi, bisogna essere sicuri che questi siano dei buoni prodotti. Non vale la pena rovinarsi il nome per 100-200 euro! Fortunatamente poi mi ero rifatto inviando agli utenti sconfortati dei miei ebook in modo gratuito ed offrendo consulenze gratuite, ma mi sono salvato in calcio d’angolo!

Tutto questo trambusto per dire cosa? Che avevo interpretato male l’ebook di Mauro Franco. Il suo è un ebook valido ma bisogna saperlo maneggiare con cura. Inoltre sembra che Mauro abbia quasi paura a rivelare i suoi segreti, così lascia sempre un filo di mistero nei suoi ebook dove devi essere tu capace a leggere tra le righe e cogliere anche quello che non ti ha detto specificatamente.

Quello che non ha detto Mauro nel suo Ebook l’ho poi trovato nell’ebook Guadagnare con Clickbank anche senza conoscere l’inglese. Non solo in quest’ultimo Ebook ho ritrovato più o meno le stesse cose che aveva scritto Mauro, ma ho trovato anche quello che mi serviva per cercare più di non fare i danni che ho fatto la prima volta che ho utilizzato questo sistema.

Praticamente gli errori che avevo commesso erano fondamentalmente 2:

  1. Ho proposto la vendita di ebook scadenti
  2. Ho proposto la vendita di ebook in lingua inglese per una nicchia di popolo italiano

Avevo molta paura di avventurarmi virtualmente “all’estero” per promuovere prodotti in lingua inglese (date anche le mie scarse conoscenze di questa lingua), ma questa guida mi ha salvato e te la consiglio.. questa volta per davvero! 😉

krikko

12 pensieri su “Clickbank: L’Affiliazione Vincente”

  1. Trackback: upnews.it
  2. Trackback: diggita.it
  3. Trackback: Technotizie.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.